Trastevere e i suoi segreti

Trastevere è un vasto quartiere sulla riva ovest del Tevere. Al tempo della fondazione di Roma questa zona era controllata dagli Etruschi di Veio, che la contendevano ai Romani perché strategica per il controllo del fiume e del guado presso l’Isola Tiberina.

Solo con la costruzione del Ponte Sublicio (VII sec. a.C.) quest’area fu collegata con il resto della città. A Trastevere abitavano lavoratori e commercianti con attività connesse al mare e al fiume e vi erano numerose comunità orientali e nel tempo mantenne il suo carattere povero e popolare. La zona divenne parte effettiva della città solo con l’imperatore Augusto, che ne fece la sua quattordicesima regione.

Ancora oggi Trastevere è uno dei luoghi più suggestivi di Roma, che attrae i visitatori con le sue viuzze irregolari, le piccole botteghe artigianali e i ristorantini tipici. Ma è anche molto di più…Seguiteci e lo scoprirete!

Passeggiata 1. Dalla città romana alla città cristiana. 

Le Basiliche di San Crisogono e Santa Cecilia.

 

La visita vi porterà alla scoperta di questo antico quartiere e delle sue trasformazioni nel tempo, che furono non solo urbanistiche, ma anche sociali e religiose.

La nostra prima tappa è la Basilica di San Crisogono in cui, a circa 7 m al di sotto della chiesa attuale, si trova una vasta e suggestiva area archeologica. Qui scoprirete come un’abitazione privata nel V sec. fu adattata per diventare una chiesa a navata unica, con annesso battistero. Questo primo edificio, che ha la bellezza semplice delle chiese paleocristiane, ebbe una vita piuttosto lunga, e fu decorato nel tempo da diversi cicli pittorici.

Nel XII sec. la basilica fu ricostruita nello stesso luogo ma ad un livello più alto, e fu affiancata da un campanile.  Il portico e la facciata attuali sono invece restauri del XVII sec.

La seconda tappa della nostra passeggiata vi porterà in una delle chiese più suggestive di Roma, la Basilica di Santa Cecilia. La storia dell’edificio si intreccia a quella di Cecilia, una giovane romana convertita al cristianesimo, che secondo la tradizione fu martirizzata nel 230 d.C. e che oggi è considerata la Protettrice della Musica. Vi racconteremo la sua storia cominciando dal basso, dai resti di edifici di epoca romana trasformati intorno al IV sec. in un luogo di culto cristiano.

Questo primo edificio fu sostituito agli inizi del IX sec. dall’attuale basilica, costruita da Papa Pasquale I per contenere le spoglie della Santa. La sua struttura fu modificata e abbellita nel corso dei secoli e presenta veri capolavori artistici quali i mosaici dell’abside (IX sec.), il ciborio di Arnolfo di Cambio (1289/93), gli affreschi del coro di Piero Cavallini (metà XIII sec.) e la bella statua di Santa Cecilia, opera barocca di Stefano Maderno (1600).

Questa è una passeggiata consigliata agli amanti dell’archeologia, dell’agiografia e della storia dell’arte.

 

INFORMAZIONI UTILI

Durata della visita: 3 ore

Biglietto di ingresso: San Crisogono biglietto ingresso scavi: € 3

Santa Cecilia biglietti ingresso per scavi e affreschi: € 5

Passeggiata 2. Il primo Cristianesimo a Roma.

Le basiliche di Santa Maria in Trastevere e di Santa Cecilia.

Questa passeggiata vi porterà alla scoperta di come la cristianizzazione si sviluppò precocemente a Trastevere, attraverso la visita di due edifici emblematici: le basiliche di Santa Maria in Trastevere e di Santa Cecilia.

La basilica paleocristiana di Santa Maria in Trastevere, fu fondata secondo la leggenda da Papa Callisto nel III sec. nel luogo in cui dal terreno era miracolosamente sgorgato dell’olio. L’edificio attuale risale al 1138 – 1148 e la sua facciata, decorata in alto da un mosaico con Maria in trono che allatta il Bambino, è il vero simbolo di questo quartiere.

Anche la decorazione interna è meravigliosa: l’abside mostra un grande mosaico del XII sec. con la Vergine e Cristo seduti in trono.  Al di sotto vi sono sei riquadri sempre a mosaico, con Storie della Vergine, opera di Pietro Cavallini (1291).

La seconda tappa toccherà una delle chiese più suggestive di Roma, la Basilica di Santa Cecilia. La storia dell’edificio si intreccia a quella di Cecilia, una giovane romana convertita al cristianesimo, che secondo la tradizione fu martirizzata nel 230 d.C. e che oggi è considerata la Protettrice della Musica.

Vi racconteremo la sua storia cominciando dal basso, dai resti di edifici di epoca romana trasformati intorno al IV sec. in un luogo di culto cristiano. Questo primo edificio fu sostituito agli inizi del IX sec. dall’attuale basilica, costruita da Papa Pasquale I per contenere le spoglie della Santa.

La sua struttura fu modificata e abbellita nel corso dei secoli e presenta veri capolavori artistici quali i mosaici dell’abside (IX sec.), il ciborio di Arnolfo di Cambio (1289/93), gli affreschi del coro di Piero Cavallini (metà XIII sec.) e la bella statua di Santa Cecilia, opera barocca di Stefano Maderno (1600).

Questa è una passeggiata consigliata agli amanti dell’archeologia, dell’agiografia e della storia dell’arte.

INFORMAZIONI UTILI

Durata della visita: 3 ore

Biglietto di ingresso: Santa Cecilia biglietti ingresso per scavi e affreschi: € 5

 

COSTI

I tour guidati hanno un costo di € 50,00 l’ora  per gruppi da 1 a 5 persone.

Il costo non include biglietti di ingresso, prenotazioni, tansfer, radioline con cuffie ed eventuali mance.

Per ogni ulteriore informazione, approfondimento o percorso personalizzato siamo a vostra disposizione.

CONTATTACI PER ULTERIORI INFORMAZIONI